Castello di Monte S. Angelo

La fortezza, collocata nella parte più vecchia della città in ottima posizione strategica, fu costruita nel IX secolo da Orso I, vescovo di Benevento. La struttura, grandissima ed irregolare, è dominata dalla Torre dei Giganti, che ne costituisce il nucleo più antico. Attorno al 1200, il castello fu utilizzato dagli Svevi come postazione difensiva, mentre gli Angioini lo adibirono a prigione; solo con gli Aragonesi ritrovò l’importanza e lo splendore che meritava. Il re Ferdinando, infatti, introdusse dei torrioni di pianta circolare in elegante pietra da taglio ed ordinò la costruzione di nuovi antemurali, adeguando la struttura alle nuove esigenze belliche. Nell’800, il castello fu incredibilmente deturpato da una colonia di caprai i quali, avendolo ottenuto in affitto dal principe di San Antimo, lo trasformarono presto in una gigantesca stalla, demolendo muri e pilastri poi sostituiti con delle recinzioni per il bestiame. Alla fine del secolo, lo stesso principe donò il castello al Comune, che a sua volta ne ha affidato la gestione ad una cooperativa locale; attualmente il complesso è quasi interamente restaurato ed è possibile visitare le sale interne, i cunicoli ed i vecchi torrioni, donde si può ammirare lo splendido panorama del Gargano.

© 2002 PugliaTour, tutti i diritti riservati.